Come scrivere il curriculum vitae

 http://spazionotizia.myblog.it/media/01/00/997613809.mp3

training.JPG

Come si scrive un CV

Il CV che sottoponi all’attenzione di un potenziale datore di lavoro sarà probabilmente la prima cosa che vedrà e leggerà di te. Per questo motivo dovrà presentarsi bene ed essere di facile consultazione. Per esempio:

Stampalo su carta di qualità e filigranata. Nella maggior parte dei casi la cosa migliore sarà stampare il CV con inchiostro nero su tradizionale carta bianca. La lettera d’accompagnamento andrebbe stampata allo stesso modo.
Organizza il CV in modo ordinato.
Evita i margini troppo abbondanti o troppo ridotti.
Rinuncia a scrivere paragrafi troppo lunghi – meglio essere concisi.
Il grassetto può essere efficace, se lo usi in maniera oculata.
Vanno bene i caratteri standard del tipo Times New Roman oppure Arial.
Non utilizzare un corpo del carattere inferiore agli 11 punti.
Fai un controllo ortografico e tipografico: anche se è qualcun altro a battere il CV, la responsabilità per gli errori è TUA. Non fidarti del controllo ortografico del computer. Se non sei sicuro di una parola, ricorri al dizionario. La trascuratezza e la mancanza di attenzione potrebbero venire fortemente penalizzate.
Dati personali
Un CV di due pagine in genere consta delle seguenti sezioni:

Nella parte superiore della prima pagina vanno messi i tuoi dati personali, cioè quelli che permetteranno di contattarti. Non serve mettere un’intestazione generale del documento, tipo “Curriculum Vitae”. L’intestazione sarà invece il tuo nome. Scrivilo in un corpo maggiore, per esempio 16 punti, e utilizzando il grassetto.
Per risparmiare spazio, scrivi l’indirizzo nella riga sotto il nome, inserendo una virgola tra nome della via, numero dell’abitazione e codice postale.
Inserisci poi i numeri di telefono a cui si può contattarti. Se hai tuttora un posto di lavoro e ti è permesso ricevere telefonate private, puoi mettere sia il numero di lavoro che quello di casa. Se vuoi, puoi dare anche il numero di cellulare. E’ in questa sezione che va fornito anche l’indirizzo di posta elettronica, se ce l’hai.
Storia professionale
Inserisci le informazioni seguenti, che partono dal tuo lavoro attuale o da quello più recente:

Date: Cita da/a soltanto in anni, per esempio 1998-data, 1994-96. Le date vanno posizionate in senso verticale sul margine sinistro o su quello destro. Questa disposizione agevola chi deve passare in rassegna i tuoi impieghi e verificarne la continuità. Azienda e sede (solo il nome della città o del paese): non tutti lavorano per un’azienda nota. Perciò, sotto il nome dell’azienda, è meglio fornire una breve descrizione della sua attività primaria e del suo fatturato annuo. Per esempio: “Una delle principali aziende plastiche, con 3.000 dipendenti dislocati in quattro unità produttive diverse. Fatturato 2000: 230 miliardi”.Chi legge potrà fare rapidi confronti sulla dimensione e sulla complessità dell’azienda, sul numero di dipendenti, sulla complessità delle sfide, sulla sua posizione di mercato.
Denominazione della mansione svolta: sotto questa voce dovrai spiegare in breve la tua “funzione”, cioè il tipo di impiego da te svolto. Il contenuto di questa sezione va selezionato con estrema cura: menziona i compiti e le responsabilità principali del tuo ruolo, comprese le cose che ti piace fare e che sai fare bene. E’ consigliabile qui omettere le cose che fai ma che non ti piacciono particolarmente, a meno che non siano una parte essenziale del lavoro a cui aspiri. L’illustrazione delle tue mansioni non deve superare le 4-5 righe.
Risultati: sono i risultati che, potenzialmente, ti distinguono dagli altri concorrenti. La parte sui risultati dovrebbe essere costituita da tre elementi: – una dichiarazione di titolarità, per esempio: “Membro di una squadra di quattro…, Ha dato il via…, Ha implementato…” – che cosa hai fatto, per esempio, “Ha prodotto…, Ha progettato…” – il risultato (a livello quantitativo e/o qualitativo).
I risultati vanno scritti nella forma di brevi, incisivi e concisi resoconti di fatti. Il loro scopo dovrebbe essere quello di suscitare l’interesse di chi legge e spingerlo a porre domande quali: cosa? come? perché? ecc. L’obiettivo è che la persona che deve scegliere, per avere le risposte, ti inserisca tra i candidati. Ripeti tutto il procedimento per il ruolo precedente, poi per quello prima ancora e così via. Fornisci dettagli completi solo sugli impieghi degli ultimi 7-10 anni. Per gli anni precedenti è preferibile elencare semplicemente le date, il nome del datore di lavoro e il titolo professionale. Come alternativa puoi inserire un paragrafo succinto del tipo: “Prima di questi ruoli, ho ricoperto una serie di posizioni in diverse aziende di primaria importanza”. Se hai lavorato per lo stesso datore di lavoro per 10 anni o più, cerca, se puoi, di frazionare questo periodo in base ai diversi ruoli che hai ricoperto, con le diverse responsabilità e i diversi risultati. Non c’è bisogno di fornire i dettagli o le motivazioni salariali per cui presenti il CV. La vostra storia professionale probabilmente finirà sulla seconda pagina del CV. Dunque, se può essere utile, potete descrivere il training e i corsi di formazione di cui avete beneficiato di recente.
Training e corsi professionali

I punti elencati a questa voce hanno lo scopo di aggiungere valore al tuo CV. Perciò dovresti evitare di includere cose tipo: “Corso di mezza giornata sulle Procedure di Evacuazione di Emergenza dalla Casa”. Puoi elencare corsi di formazione e sviluppo dei quadri dirigenti, corsi di informatica oppure un addestramento specialistico nel tuo campo. I dettagli da indicare sono:

Data (solo l’anno)
Titolo dell’evento (e durata, se superiore ai 2 giorni)
Nome dell’organizzatore (interno o esterno)
Formazione scolastica e titoli
Questa sezione comprende tutti gli ordini professionali a cui appartieni e, in generale, i tuoi traguardi accademici. Di solito i datori di lavoro apprezzano un livello elevato di cultura generale. Se attualmente stai studiando per ottenere un titolo ulteriore, questo va segnalato (all’inizio dell’elenco). Come per la sezione Training e corsi professionali, i titoli vanno presentati in ordine cronologico inverso, con i seguenti elementi:

Data/e
Nome dell’istituto
Titolo/i ottenuto/i
Maggiore è la tua anzianità, meno è necessario che tu ti metta a elencare le materie e i voti con i quali hai superato ogni livello.
Dati personali

Spesso è la parte più controversa del CV. Quanto si dovrebbe rivelare? Per fare un esempio: i dirigenti di età superiore ai cinquant’anni dovrebbero rivelare la data di nascita? Una donna che ha più di vent’anni dovrebbe rivelare l’età o lo stato civile? I vari autori di testi sul CV non sono concordi a questo proposito. E’ una decisione che, in fin dei conti, spetta a te.

Se hai riportato fedelmente le date della formazione scolastica e della storia professionale non sarà difficile riuscire a stabilire la tua età con un’approssimazione di circa due anni. Perciò puoi anche indicare la data di nascita (non l’età). Ecco qualche altro elemento che talvolta si aggiunge:

Nazionalità
Stato civile
Possesso di patente di guida
Disponibilità a trasferirsi
Condizione di non-fumatore
Comunque, qualsiasi cosa tu metta deve essere breve e rilevante. Per esempio, se il lavoro a cui aspiri richiedesse mobilità, sarebbe utile comunicare al datore di lavoro che sei in possesso di una regolare patente di guida.
Menziona gli interessi extralavorativi e gli hobby solo se aggiungono valore alla domanda di lavoro. Può capitare che un’attività che segui al di fuori del lavoro dimostri il possesso di capacità diverse da quelle normalmente esercitate sul lavoro, ma che potrebbero rivelarsi utili.

Referenze

Prima di dare il via alla ricerca di un posto di lavoro, dovrai contattare le tue potenziali fonti di referenze per verificare la loro disponibilità. In genere, nel CV non si rivela l’identità di chi dà la referenza. Alcuni datori di lavoro chiederanno questa informazione prima del colloquio, nel qual caso fornirai nominativi e dettagli di contatto in una lettera d’accompagnamento. Altri datori di lavoro attenderanno di averti incontrato e di aver deciso se approfondire o meno il discorso con te.

La responsabilità della gestione delle referenze spetta a te. Ciò significa che, quando un potenziale datore di lavoro o un potenziale reclutatore ti chiedono le referenze, devi attivarti per prendere i contatti. A chi ti dà la referenza spiega la natura del ruolo per il quale presenti domanda e descrivi in dettaglio le capacità che interessano al futuro datore di lavoro. Ciò gli consentirà di avere con lui o con il reclutatore uno scambio di idee utile e costruttivo.